Innovazione sostenibile: RadiciGroup e Maccaferri partner di LIFE-Inno.Pro.Wire

È una sfida all’insegna dell’innovazione sostenibile quella di LIFE-Inno.Pro.Wire. Un progetto pilota interamente Made in Italy - nato dalla partnership tra due realtà industriali italiane attive a livello globale, il gruppo Maccaferri e RadiciGroup - che ha ottenuto il finanziamento della Commissione europea nell’ambito del programma LIFE+, lo strumento finanziario europeo dedicato all’ambiente. 

LIFE-Inno.Pro.Wire si propone di elaborare un processo innovativo e di minore impatto sull’ambiente, per la produzione di fili di acciaio estrusi utilizzati per la realizzazione di strutture protettive e di contenimento in rete metallica. L’aspetto di innovazione sostenibile di questo progetto è legato all’utilizzo di poliammide 6 (tecnopolimeri di PA6 a marchio RADILON®) come valida alternativa al PVC per il rivestimento di tali fili di acciaio.
 
«Il bando LIFE dell’Unione Europea» - afferma Claudio Colibri, R&D Corporate Manager di Officine Maccaferri - «rappresenta un’interessante opportunità per le aziende al fine di sviluppare proposte industriali dedicate a settori strategici quali natura e biodiversità, politica e governance ambientali, informazione e comunicazione. RadiciGroup, SAMP SpA e Officine Maccaferri SpA, nel corso degli anni hanno fatto della sostenibilità ambientale il proprio criterio progettuale. Questa collaborazione, grazie alla forte sinergia tra i dipartimenti R&D, ci consentirà di raggiungere l’ambizioso obiettivo di realizzare una soluzione a minor impatto ambientale.»
 
Estrema soddisfazione per la collaborazione con Maccaferri è stata espressa da Cesare Clausi, Business Manager Europe dell’area materie plastiche di RadiciGroup: «Siamo fieri di essere partner di LIFE-Inno.Pro.Wire. Il contributo che possiamo e vogliamo dare a questo progetto, è strettamente legato all’approccio e alle competenze che contraddistinguono il nostro impegno concreto sul fronte della sostenibilità. Il sistema di emissione e gestione delle dichiarazioni di impatto ambientale di prodotto di cui siamo dotati, per il quale abbiamo ottenuto l’EPD Process Certification, e la recente sperimentazione della metodologia PEF ci permettono di misurare in maniera rigorosa l’impatto ambientale della nostra poliammide, fornendo anche nell’ambito di LIFE-Inno.Pro.Wire informazioni basate su dati scientifici, verificabili e confrontabili. Una variabile quella dell’impatto ambientale, che unitamente all’aspetto performance teniamo in considerazione a partire dalla fase di sviluppo delle nostre poliammidi.»

Tutti i dettagli su LIFE-Inno.Pro.Wire nel COMUNICATO STAMPA